Corso di parapendio n1 2000

  • cesare1
  • corso-parapendio-1-2000
  • fiorenzo
  • istruttori
  • mauro
  • samuele
  • sandro1
  • sandro2

E' iniziato il corso estivo di parapendio. I partecipanti sono 6:  Cesare S, Fiorenzo B, Giuliano T, Mauro B Samuele S e Sandro G.

Dopo una lunga preparazione teorica di base, finalmente, 5 dei nostri eroi, sabato 24 giugno hanno spiccato il loro primo volo. Una bella planata serale dal decollo delle antenne. Un vento in decollo non proprio costante ha rallentato l'attività di decollo e messo a rischio gli ultimi (nel senso che hanno rischiato di saltare il primo volo, non di volare di sotto!). Comunque, alla fine hanno volato tutti (ultimo atterraggio alle 19.00). Nessun problema durante il volo, a parte Mauro che ha deciso di provare da subito l'ebbrezza dei pendolamenti e Cesare che si è preso un po' in ritardo nella virata di entrata in atterraggio ed è arrivato corto nello "spazio di fuga". Bilancio quindi positivo: avanti così!

-----

 

Dopo il primo volo, che più che didattico è un'esperienza quasi mistica, entriamo nel vivo della preparazione con l'effettuazione delle prime manovre. 

 

Sabato 1 luglio, pomeriggio, decollo col Serrai, tutti presenti per il secondo volo (è raro trovare un corso così unito) Vento da ovest, perfetto. Decollano tutti (a intervalli di una decina di minuti) ma non tutti arrivano in atterraggio... sì, perché Mauro decide di fare il suo primo top landing e atterra poco più sotto. Una certa tensione gli consiglia giustamente di scendere in auto: se non si è sicuri e concentrati è meglio evitare, del resto deve essere un divertimento, no? Gli altri effettuano alcuni 360° e iniziano a scoprire cosa sono le inversioni di rollio o wing over. Atterraggi tutti OK, Sandro addirittura lo fa quasi da solo!

 

Domenica 2, ore 8 del mattino ci sono ancora tutti! Incredibile. Decollo antenne, lieve brezza frontale. Mauro è ancora teso per l'atterraggio del giorno prima e dopo lunga meditazione, opta per un biposto, volerà dopo. Gli altri decollano tutti senza problemi. Stavolta pilotaggio con le bretelle posteriori e ancora 360° (del resto è la cosa che faranno di più). Finalmente un avvicinamento con vento da Sud. Tutti OK. Pomeriggio. Mauro, che è rimasto in zona, sale con me e, viste le condizioni calme, decolla poco dopo di me. Anche lui svolge il programma del secondo volo. Gli altri (ad eccezione di Cesare) arrivano poco dopo. Samuele, in visita parenti, si fa dare uno strappo dallo zio ma va al decollo sbagliato perché nel frattempo il vento girato. Ma anche gli altri non hanno fortuna. Per entrambi vento storto e, dopo un via vai di un'oretta sulle tortuose strade del Monte Grappa, tutti tornano in atterraggio mogi mogi. P.S. Giornata caldissssssima: saranno stati 32/33 gradi con 70% di umidità, pazzesco. Ha minacciato pioggia e temporali tutto il giorno (e per un po' lo si è temuto/sperato) e invece niente di niente. La meteo...

 

Sabato 7 luglio, pomeriggio. Gran temporale in arrivo, attività sospesa (o meglio neanche iniziata)

 

Domenica 8, mattina ore 8. Ci sono ancora tutti. Giornata splendida (ma non durerà), neanche un nuvola. Si sale alle antenne, leggera brezza frontale, iniziano i decolli. Fiorenzo ha il suo nuovo imbrago e sta provando una vela diversa da quella dei primi voli. Il feeling non è dei migliori: due partenze abortite sui cespugli in fondo al decollo. Tr un suo tentativo e l'altro, partono i suoi compagni. Anche Sandro ha cambiato vela per questo volo ma si trova decisamente meglio. Proviamo le orecchie per la prima volta: tutto ok. Poi un po' di wing over. Avvicinamento e atterraggio quasi del tutto autonomi. Molto bene per il 4° volo. Tocca poi a Cesare. Qualche difficoltà con le orecchie (vela particolarmente in pressione e difficile da chiudere), buoni i  wing over. Imposta bene l'avvicinamento e ha bisogno solo di un paio di dritte per  il finale. Samuele è sempre un po' "violento" con le vele. Le orecchie vengono dentro senza problemi (anche troppo!), w.o. un po' a scatti ma meglio delle altre volte. Lui è nella media e ha bisogno di più aiuto per l'avvicinamento. Mauro torna a volare la vela del suo primo top landing. In atterraggio dirà di averla trovata ottima come sensazioni di volo. Piccoli problemi con le orecchie, sebbene la vela abbia le bretelle sdoppiate per facilitare l'operazione, capita una piccola cravatta e il nostro decide saggiamente di chiedere lumi di persona prima di riprovarci. Buoni i w.o. e avvicinamento nella media. Finalmente Fiorenzo decolla ma non deve essere la sua giornata. Sono iniziate le termiche e si trova a ballare un po'. Buone le orecchie e i w.o. (malgrado tutto). La sfiga però oggi lo ha preso di mira. Il vento si mette da nord (alle 9 di mattina, di solito, è un sud costante), impostiamo l'avvicinamento ma, al momento di entrare in campo, la manica (bastarda) si rimette da sud. Col vento dietro il campo è decisamente piccolo e in fondo c'è il cavo del telefono. Però ci siamo tenuti qualche metro di margine, più che sufficiente per effettuare un 180° sul cielo campo ed atterrare controvento senza problemi. Non è un avvicinamento a C come lo descrivono i manuali ma ci si avvicina.

 

Pomeriggio: le previsioni erano brutte, avevo consigliato di stare a casa ma sono venuti lo stesso in quattro. Dato che il tempo sembrava reggere (e poi infatti non ha piovuto) è stato fatto un tentativo ma un forte vento da ovest, arrivato nel frattempo, ha reso vana questa speranza. Tutti a casa con un solo volo in questo travagliato week end. Ma quand'è che arriva il bel tempo? Boh!

 

E siamo giunti al terzo week end di questo strano luglio 2000. Tanto per cambiare il sabato nulla di fatto: temporale

 

La speranza per la domenica viene premiata. Ritrovo ore 8 sotto un cielo velato ma comunque in netto miglioramento. Stamattina non ci sono tutti (che qualcuno degli assenti porti sfiga?). Si parte per le antenne ma c'è forte verso da ovest (cioè nelle chiappe) ahi ahi ahi! Veloce trasferimento all'altro decollo sperando che la situazione sia migliore. Infatti un bel vento frontale accoglie festoso i nostri eroi che si preparano velocemente. Visto il crescere della preparazione diminuiamo il distacco tra i decolli in modo che siano in volo quasi insieme (molto quasi). Prime divagazioni sul costone tanto per vedere come è fatto. Praticamente due virate in tutto e poi fuori a far manovre: orecchie, 360° e, per Sandro che arriva un po' più alto, qualche wing over. Tutti e tre vengono invitati ad impostare autonomamente l'avvicinamento. Sandro e Cesare se la cavano bene (con qualche dritta, è ovvio). Fiorenzo invece è un po' distratto e fa gli otto a rovescio. Opportunamente corretto si cosparge il capo di cenere e atterra senza problemi. La giornata si è aperta bene, iniziano le prime termiche leggere e la loro preparazione è buona, perché non fare un secondo giro? Neanche il tempo di dirlo e via, sono già in viaggio per il decollo. Le condizioni sono proprio ottimali per un volo in termica. Alle 10 parte per primo Cesare che, opportunamente indirizzato e impostato inizia a termicare (un po' rudemente devo dire) sul costone dei tornanti, guadagna qualche decina di metri e si piazza lì a studiare la zona. Dopo un po' parte anche Fiorenzo che, giunto nella zona di operazioni, inizia anche lui a prendere contatto con le prime ascendenze ma non riuscirà mai, in tutto il volo, a raggiungere Cesare (sarà la differenza di peso...). Quando vedo che si abbassa troppo faccio per chiamarlo in atterraggio ma il nostro, non domo, si aggrappa con le unghie a una termica e risale a una quota discreta (ma forse è stata la termica a riprenderlo per i capelli, non so). Alla fine riesce a partire anche Sandro che si piazza tra Fiorenzo e Cesare (come quota). Tutti e tre girano sul costone avanti e indietro per una qualche decina di minuti tutti soli. Fiorenzo, preso dalla foga, si avvicina anche troppo al bosco ma viene prontamente incenerito dal sottoscritto prima di finire sugli alberi. Un po' alla volta la fatica e lo stress si fanno sentire e le quote calano. Il primo a essere chiamato in atterraggio è Fiorenzo (circa 40 minuti di volo). Segue poi Sandro (25 minuti) e da ultimo Cesare (addirittura 55 minuti) che, appena sceso, non ha niente di meglio da dire che "sì... è stato abbastanza divertente". Molti allievi dei corsi precedenti avrebbero fatto carte false per un volo così. Forse però è la stanchezza.

 

Pausa per i recuperi poi la proposta di fare un test con i quiz non ha successo e, dopo un po' di chiacchiere, vanno a mangiare (e poi c'è il GP di F1). Intanto il tempo si sta rabbuiando e non promette niente di buono: ci sono due temporali, uno ad est e uno ad ovest. Quando uno scarica l'altro si gonfia e viceversa. Al pomeriggio arrivano anche i due assenti del mattino (Samuele ha dormito fino alle 16 ma quando arriva mi chiede perché non gli ho telefonato alle 8!!!). Purtroppo la meteo non è positiva e facciamo due tiri a pallone in attesa di tempi migliori. La giornata rimane in bilico finché, alle 17.30 li mando tutti a casa. 

 

Ore 17.50 le nubi si dissolvono come per incanto grazie a un forte vento da nord. Mi consolo pensando che comunque, con quel vento, non avrebbero volato.

 

Ore 18.15 il vento cessa del tutto e lascia una stupenda serata assolata e calma: ideale per gli allievi. Murphy ha colpito ancora.

 

Incredibbbile! Una intero week end volabile. Ci eravamo ormai dimenticati cosa volesse dire. Week end denso e pregno di significati.

 

Sabato ritrovo ore 16.30 ma, avvertendo la giornata, un paio arrivano alle 15.30...

 

Vento da sud ovest, quindi si partirà dalle casette. Avendo ormai superato (quasi tutti) i 5 voli alti si inizia la seconda fase: l'autonomia operativa, nel senso che gli ordini diventano sempre più sporadici, in modo che gli allievi possano valutare da soli il da farsi. I primi risultati sono incoraggianti. Fiorenzo esegue, con le dovute istruzioni, il suo primo avvicinamento a C, qualche sbavatura ma il ghiaccio è rotto. Primo avvicinamento a C anche per Sandro che se la cava bene e dice di preferirlo a quello a otto. Mauro, dopo due settimane di inattività e 3 soli voli alle spalle, non sembra troppo arrugginito anche se in atterraggio esegue uno stallo alla "ti spiezzo in due" e la vela crolla alle sue spalle in 0.5 secondi netti, sopraffatta da cotanta veemenza. Samuele, il giovane, non dimostra particolare concentrazione e ha ancora bisogno di notevole assistenza in avvicinamento, le manovre sono finalmente OK. Cesare fa quasi tutto da solo, a parte una dritta per il finale.

 

Domenica mattina, ore 8. Vento nullo, valutazione comune sulla situazione per decidere il decollo. Si opta per le casette e la scelta si rivela azzeccata, bravi. Non glielo dico prima ma l'intenzione è di stare assolutamente zitto e fare una specie di volo d'esame per verificare la preparazione dei ragazzi, le manovre previste sono quelle usuali: wing over,orecchie, 360° Dx e Sx, avvicinamento e atterraggio. Fiorenzo è l'unico a non aver bisogno di aiuto, esegue il programma con precisione (a parte un'incertezza nell'inversione dei 360°) e fa un perfetto atterraggio. Cesare forse non è in giornata, ha delle incertezze nei wing over e i 360 sono un po' lenti, entra anche alto e ha bisogno di alcuni suggerimenti per correggere l'errore. Mauro, che ha meno voli se la cava egregiamente e ha bisogno solo di alcuni aggiustamenti in avvicinamento. Buono anche lo stallo alla fine. Sandro opta per l'avvicinamento a C ma pecca di precipitazione (non il quel senso...) e inizia il circuito alto, per cui deve correggere e allungare la base, non male comunque. Da ultimo Samuele fa bene le manovre ma l'avvicinamento è completamente sballato, come se non ne avesse mai fatto uno. Necessaria una assistenza integrale per l'atterraggio.

 

Il secondo volo mattutino è un must, vista la giornata. Salgono ancora alle casette. Dopo un ora di attesa, si accorgono che il vento da est che si è alzato non ha idea di cambiare e si spostano alle antenne dove le condizioni sono buone. Vista l'ora, la speranza è di un nuovo volo in termica ma solo Cesare e Samuele trovano qualcosa. Gli altri, dopo un paio di virate, si dirigono in atterraggio. Niente manovre stavolta ma solo l'avvicinamento. Primo avvicinamento a C per Mauro, mentre Sandro è tornato agli otto. Problemi per Samuele che, malgrado l'assistenza in avvicinamento, riesce a sbagliare ancora qualcosa e alla fine rischia di finire su un albero perché ha ritardato una virata e si è preso basso. Fortunatamente entra solo col corpo nei rami più alti e riesce ad oltrepassare l'ostacolo, atterrando subito dopo senza danni. "Interrogato" dirà di aver fatto confusione tra destra e sinistra!!!! L'invito è dormire di più di notte e meno durante il volo. Cesare, che nel frattempo è arrivato in orbita, viene fatto scendere in tutti i modi, incluso uno stallo di B che esegue non proprio benissimo ma da cui esce senza problemi di sorta. Buoni avvicinamento e atterraggio. Fiorenzo non ha volato perché è dovuto scappare a casa.

 

Finiamo alle 11.30 e si parte! Sì, perché nel pomeriggio è in programma la prima trasferta: Camisino, amena località delle prealpi vicentine, con un volo di circa 1200 metri di dislivello ma una lunga strada, in parte non asfaltata, per raggiungere il decollo, fortuna che c'è la navetta. Samuele va a casa, ci raggiungerà più tardi. Dunque si parte. Fatti i recuperi, verso le 13 siamo al nuovo atterraggio. Vista l'ora lascio lì gli allievi con il pallone e salgo per farmi un voletto da solo. Sfortunatamente il tempo su non è proprio bellissimo. Il luogo però non è stato scelto a caso: a 100 metri dal decollo c'è la malga di un nostro ex allievo che, informato del nostro arrivo, ci invita. Visto che con gli allievi si è spostato anche mezzo club, in parecchi finiamo a mangiare, bere e chiacchierare al caldo, mentre i più stoici intraprendono il volo con alterne fortune. Gli allievi sono sotto che aspettano ma poco dopo (ore 14.30), informati, salgono anche loro. Appena su, inizia la pioggia! Ci risiamo. E invece no. Poco dopo i tempo migliora e si può volare. Parto per primo e poi gli altri mi seguono. Riescono a volare tutti meno Fiorenzo che, visto il vento laterale, opta per il recupero della propria auto. Niente di speciale, vista la grande novità di base, solo un'attenta impostazione dell'avvicinamento in un campo nuovo e più piccolo del solito. ANCHE Samuele se la cava bene stavolta. Alla prossima.

 

Sabato 29, la giornata si preannuncia splendida. Cielo terso e aria frizzantina. Ritrovo alle 16.30, ci sono parecchi cumuli ma quelli grossi sembrano lontani. Mi sono scordato le radio e devo correre a prenderle. Alle 17 saliamo. Arriviamo in cima e inizia a piovere... Visto che la pioggia è molto leggera decidiamo di aspettare al bar "al Deltaplano" facendo una partita a biliardino. Dopo meno di un'ora sembra tutto a posto e torniamo in decollo. Neanche il tempo di aprire la mia vela e ricomincia. Ormai sono pronto e parto. Piove a dirotto adesso, così avviso gli altri che non se ne farà niente e di raggiungermi direttamente in atterraggio. Non deve essere la nostra giornata fortunata (un'altra) e non mi sentono, la radio prende acqua e devo spegnerla. In atterraggio provo col telefono ma i loro non prendono (o li hanno lasciati in auto). Così li aspetto per 2 ore. Intanto il tempo migliora. Loro, non sentendomi, dopo 2 ore finalmente si incamminano, proprio quando avrebbero potuto partire...Decisamente un brutto pomeriggio.

 

Domenica il ritrovo è spostato alle 8.30, così magari si trova anche qualche termica. Samuele non c'è neanche oggi perché raffreddato. Si va alle antenne. Su il vento non è proprio OK ma migliora col passare dei minuti. Alla fine, verso le 9,15 parto, giro una termica con un falchetto e torno in decollo a riferire e dare alcune indicazioni di massima sulla giornata. Poi vado giù (in atterraggio, che avete pensato...) Cesare parte per primo ma trova solo qualche buffetto e dopo neanche 20 minuti è atterrato, in perfetta autonomia, senza bisogno di aiuto. Anche Fiorenzo, ma ormai è normale, se la cava benone, pur non trovando termiche. Resistono di più Sandro e Mauro che però necessitano ancora di qualche dritta (o forse sono io che non riesco a stare zitto). 

 

Ci rivediamo alle 16.30. Nel frattempo ha pure piovuto ma ora sembra tutto OK. Si parte dalle antenne. Anche Sandro non c'è. Sono solo in tre. Solo Cesare però riesce, a causa del traffico, a decollare in tempo prima che il vento giri. Gli altri devono trasferirsi alle antenne. Cesare ne approfitta per raggiungerli e fare un secondo volo. Con lui sale anche Diego, che deve fare un po' di ripasso per ricominciare a volare dopo alcuni mesi. Per primo parte proprio Diego che non sembra poi così arrugginito. E' poi la volta di ? che decolla senza problemi e atterra da solo (un po' lungo per la verità). Quando invece tocca a ?? succede il patatrac. Gonfiaggio, corsa, stacco, roveto/pino, probabilmente un po' di discendenza. Vista l'ora è la spiegazione più probabile anche se la manica a vento è sempre parsa buona. Nulla di rotto a parte l'orgoglio (del resto ci vuole almeno una frasca per corso, altrimenti che gusto c'è?). Mi avvisano (quasi) subito dei problemi di recupero dell'attrezzatura, così salgo a vedere. La vela è stesa tra due piante, una di 3/4 metri e l'altra di 8/10. Nel mezzo in intrico di rovi da smebrare la foresta vergine, ci vorrebbe un machete ma si procede a mani nude (che eroi). Mi arrampico sul pino più alto (fortunatamente ben dotato di rami) e , giunto sulla cima, inizio a liberare l'ala spezzando qua e là (se mi legge la forestale...). Il problema più grosso è recuperarla perché, se la facciamo scendere tra i rovi finiamo dalla padella alla brace. Allora decidiamo di usare l'altra pianta, più bassa, come "ponte", dal mio pino la passiamo all'altro alberello e da qui su in ghiaione. Dobbiamo anche smontare una bretella e l'intera raggiera dei freni. Alla fine tutto si risolve con un piccolo 7 sull'intradosso. Ricostruiamo il fascio lì in decollo e poi tutti a casa. Questa lezione non era prevista ma, tutto sommato, è sempre un'utile esperienza. Gli errori si possono commettere, a patto di imparare a non ripeterli.

----

E siamo arrivati in Agosto tra molta acqua e pochi voli.

Agosto è periodo di ferie e giustamente...io lavoro di più!

Per questo mese infatti è stato fissato anche un appuntamento infrasettimanale, il giovedì pomeriggio.

3 agosto: Mauro, Sandro e Cesare arrivano alle 16.30, Samuele alle 18.00. Fiorenzo "lavora per noi".

Il primo volo, dalle antenne, non è granché come condizioni ma se la cavano bene tutti. Ormai sono del tutto autosufficienti e tralasciamo le manovre per concentrarci sulla ricerca delle termiche. "Bucano" tutti in meno di 20 minnuti!

Il secondo volo è molto meglio. Si è alzata una bella brezza da est (e il giorno dopo, purtroppo, scopriremo gli effetti collaterali...) e si può fare dinamica in tutta tranquillità. Pochissimo traffico di certo aiuta. Fanno tutti oltre mezz'ora di volo, sorvolando più volte il decollo. Per Mauro e Samuele è la prima volta e mi sembrano contenti. A causa del vento cambiamo zona di avvicinamento e, vista la nuova prospettiva, di qualche suggerimento per l'atterraggio, soprattutto a Samuele. Nel complesso comunque bene.

Venerdì e sabato piove a dirotto ma, appena avviso i ragazzi che non si farà nulla (ore 14.30 circa di sabato) il tempo si sistema. Qualcuno si voi conosce un buon albergo a Lourdes?

Domenica mattina sembra ottima: cielo terso aria frizzante. Samuele dorme e Fiorenzo si è già preso un impegno, visto il sabato. Briefing: ormai siete grandi e potete arrangiarvi. Fate conto che io non ci sono e che siete venuti a volare da soli.

Al primo giro se la cavano bene ma non ottimamente: Mauro entra con vento di traverso e atterra un po' troppo veloce. Cesare entra un po' alto, anche se poi gestisce bene la cosa.

Secondo volo, sempre dalle antenne. Mauro ha disturbi di stomaco e scende in macchina. Cesare e Sandro si fanno una mezz'ora di termica e poi atterrano.

La giornata sta rapidamente degenerando (tanto per cambiare) e il consiglio è di andare a casa. Sandro fa il duro e resiste. Risultato: prima di mezzogiorno inizia il diluvio universale. Sandro resiste. Piove. Sandro cede (ore 14.30) e io confermo anche agli altri il nulla di fatto e vado in gita ad Asolo. Il tempo si ristabilisce (ore 15.30)! Il giorno dopo Sandro mi ha inviato un nuova legge di Murphy: "se un fronte freddo sta transitando sulla vostra zona di volo, sicuramente la lascerà quando voi avrete ormai deciso di andare a casa e sarete già lontani per tornare indietro e non potrete far altro che godervi un meraviglioso tramonto..." Grrr. C'est la vie!

Alla prossima

Pensate che mi stia riposando? Infatti!

Nuovi voli effettuati il 10, giovedì, giornata buona, ormai sono grandi ma provo a fargli fare qualche manovra. Un po' di ruggine nei wing over. Bisognerà rimediare nel week end. Tutti riescono a farsi un paio di voli. Io prendo la mia dose di carne (come si dice da noi) per essere arrivato con 15 minuti di ritardo... Quel che è giusto è giusto, anche se io ero convinto di avere 15 minuti di anticipo.

Le giornate, finalmente, puntano al bello stabile. Sabato 12 pomeriggio altri due voli a testa. Sandro e Cesare raggiungono per primi quota 20 voli. Le condizioni sono buone per volare ma la cappa di caldo non permette la formazione di grosse termiche, cosicché anche 20 minuti sono un ottimo risultato. Sono completamente autonomi sia in decollo che in atterraggio, anche Samuele.

Domenica mattina, manca Sandro. Sembra ci sia un bel vento da ovest, saliamo alle casette ma non ce n'è traccia. Valutiamo l'ipotesi panettone (1500 metri) ma poi, pensando a Sandro, decidiamo di rimandare e andiamo alle Antenne. Qui l'ovest c'è (purtroppo) e piuttosto forte (ri-purtroppo). Mattina sprecata? Decidiamo di andare a Revine, un'ora di macchina. Era un mese che ci dovevamo andare ma era sempre brutto (vedi report precedenti). Alle 11.30 siamo al nuovo atterraggio. E' di proprietà del club locale e stanno tirando su proprio una bella zona. Anche lì c'è vento, quindi sessione di gonfiaggi rovesci in atterraggio. Verso l'una, affamati, ci avviamo al decollo e dopo il pranzo (leggero) valutiamo insieme la situazione. La giornata sembra ancora un po' turbolenta. Aspettiamo. Dopo poco tutto si calma e i ragazzi possono partire. Solo Cesare riesce a fare un po' di termica, gli altri trovano un po' di restituzione sull'atterraggio. Con un po' di artifici riusciamo a fare anche un secondo volo in cui ripassiamo le manovre. Decisamente meglio di giovedì. La ruggine è già scomparsa.

Pizza e poi a casa. Caldo pazzesco, afa e un mucchio di moschini-vampiri ma nel complesso una trasferta positiva

Giovedì 17. Sempre più caldo: 35 gradi con 80% di umidità (credo). Si suda a stare fermi. Ci sono solo Mauro, Sandro e Cesare. Due voli dalle casette. Esplorano una nuova zona di volo: l'alta valle santa Felicita. Cesare e Sandro trovano qualche bolla, ma poca roba. Tutti e tre hanno imparato a partire alla francese, per degli allievi non è comune. Mauro, al secondo decollo (normale) si lascia superare dalla vela e becca un bel frontale. Nessuna conseguenza, tanto che decolla ugualmente. Per il resto, nulla da segnalare.

Ancora poche lezioni e me ne vado in vacanza, non vedo l'ora... Alla prossima.

Sabato 19. Aiutooooo! Soffoco, soffoco, soooffooocooo. E' troppo caldo, vorrei lasciarli a casa ma sono in 5 e io sono da solo, non sarebbe salutare. Ma neanche 37 gradi lo sono! Sandro non viene (lui lavora al mare, chi glielo fa fare di venire qua). Gli altri ci sono tutti, oggi siamo un po' in anticipo e la speranza e di fare il primo breve volo di cross, con l'aiuto di qualche termica. Saliamo alle casette ma il vento fa schifo (est-sudest). E poi è strapieno di piloti che aspettano. Siccome odio le code, cambiamo subito decollo e andiamo alle antenne. Vento perfetto, leggero ma perfetto. Aprono e partono. Termiche? Nemmeno l'ombra! Un bel dritto in atterraggio. Fanno tutto bene. L'entrata in finale che, per tutti, è piuttosto brillante, nel senso di movimentata da oscillazioni un po' su tutti gli assi, come uno brillo insomma.

Il secondo giro va un decisamente meglio. Credo che il giorno dell'esame, che ormai si avvicina a grandi passi, gli farò fare un volo di riscaldamento, visto che il secondo gli viene sempre meglio.

Salgono anche per il terzo volo ma quel leggero vento ci ha abbandonato alla calura, così si scende in auto stavolta.

Domenica 20. Anticipo di ferie (mie stavolta) Tutti a spasso.

Giovedì 24. Ultima lezione prima delle mie vacanze. Sandro lavoro, Mauro vacanza e Samuele contrattempo. Ci sono solo Cesare e Fiorenzo. L'idea è un volo di pre-esame con le manovre ma la novità del decollo fa slittare la prova a favore di un più salubre volo in termica. Fiorenzo per la prima volta riesce a salire sopra il decollo. Bravo. Cesare invece non è molto in forma. Deve aver volato troppo.

E con questo micro rapporto finisce Agosto e me ne vo in vacanza. Ci rivediamo il 2 settembre (voi ci leggerete più tardi)

----

Sono tornato! A dire il vero il 2 settembre ero in piene ferie ma come si fa a lasciare soli questi bei giovani? (nel senso che da soli magari volano lo stesso e non va bene)

E poi ci sono gli esami che incombono. Quindi forza e coraggio, andiamo a volare.

A dire il vero, il mattino di sabato 2 settembre non prometteva niente di buono, pioveva...

Poi invece le cose si sono sistemate. Sono venuti solo in 3: Cesare (non è mai mancato), Samuele e Fiorenzo. Essendo sotto esami il programma è obbligatorio: decollo, inversioni di rollio, 2 360°, orecchie, avvicinamento e atterraggio.

Primo volo. Fiorenzo tutto bene. Cesare fa l'avvicinamento con il vento dietro, glielo dico (nota negativa) e lui corregge eseguendo un perfetto C. Samuele bene anche se ha ancora qualche incertezza nei wing over.

Secondo volo. Fiorenzo e Samuele ancora bene. Cesare non è in giornata: cambia la zona di avvicinamento ma intanto è cambiato anche il vento, risultato: ancora vento in culo. Stavolta però se ne accorge da solo e rimedia. Nel complesso bene ma rimane il dubbio sugli altri due. Speriamo bene per domani.

Domenica la giornata è decisamente migliore. Ci troviamo alle 8.30 in tre. Sandro lavora e Mauro ha un imprevisto.

Il volo va bene, programma come il giorno prima. Al termine un bel pre-esame di teoria. Durante lo svolgimento vengono addirittura scambiati per piloti polacchi che si stanno iscrivendo a una gara! Cose che capitano solo a Borso. Tutti promossi, peccato che sia una finta.

Verso le 14 la giornata sembra buona e torniamo a volare. In realtà la situazione è un po' più mossa del previsto e i ragazzi non solo non trovano termiche decenti da girare ma Samuele prende anche una bella chiusura. Poi, in discendenza e controvento fatica a guadagnare l'atterraggio. Visto che sono a posto sia in pratica che in teoria gli concedo il pomeriggio di libera uscita.

Alle 16.30, previa telefonata, arriva Mauro che riesce a fare il volo di pre-esame. Buono il risultato.

Visto che sono in ferie, perché non approfittarne per un ultimo volo prima dell'esame? Così, venerdì pomeriggio, vengono a volare Samuele e, finalmente, Sandro che è un po' preoccupato per la ruggine (o sono io quello preoccupato?) Le manovre sono quelle usuali e il risultato più che buono. Domani esami!

Sabato 9 settembre, giorno di esami, ore 8.30. Ci sono tutti! Che strano...Esaminatore Bruno Rorato

Per problemi tecnici riescono a decollare solo verso le 10.30. Giornata un po' mossa e, come vedremo, baciata dalla S-fortuna.

Parte per primo Fiorenzo e gli si spegne la radio in volo (e uno)! Lui aspetta paziente il via per le manovre poi, quando ormai è basso, si decide da solo e fa quel che può con la quota che gli rimane. Il risultato non è quello abituale ma è comunque sufficiente. Ottimo l'atterraggio, dopo il quale penso abbia pensato di strangolarmi per via della radio.

Secondo Cesare che, a metà percorso prende una bella botta che lo fa girare di 90° con la vela aperta (e due), oltre a questo si sorbisce anche la mia ramanzina via radio: "non metterti a girare termiche oggi!". Manovre senza problemi ma atterraggio un po' corto, assolutamente nei limiti, ma corto. Credo che si specializzerà in atterraggi di precisione nelle aiuole durante i suoi primi voli di Cross.

Parte poi Sandro che fa dei wing over da paura, nel senso che l'inclinazione raggiunta è almeno il doppio di quella necessaria. Temo che si metta a strafare, invece il resto è nella norma. Effettua un impeccabile avvicinamento a C e atterra.

Il vento è un po' storto (e tre) e Samuele riesce a partire dopo un pausa. Incredibilmente fa un volo perfetto e atterra a pochi metri da noi. Nessuno dei presenti che lo conoscono, riesce a spiegarsi una tale mutazione. Potrebbe diventare addirittura bravo! Davvero inconcepibile.

Mauro rimane per ultimo, cosa che certo non calma il suo nervosismo. C'è vento storto e sbaglia un decollo cosa che di sicuro non calma il suo nervosismo. Quando parte ha una piccola cravatta sul lato destro della vela, cosa che assolutamente aumenta il suo nervosismo (e quattro)! Durante il volo viene scarrocciato continuamente alla nostra sinistra dall'azione combinata del vento e del nodo, cosicché riesce solo a fare qualche wing over (con notevole impegno vista la situazione). Quando atterra è un pochino teso... L'esaminatore gli fa comunque capire che ha compreso il problema e che la gestione della faccenda è stata buona, quindi il risultato è positivo.

Dopo questa bella raffica di sfortune era d'obbligo una pausa. Così siamo andati a mangiare qualcosa in un agriturismo e a fine pranzo (piuttosto sostanzioso): TEORIA! 30 minuti per 30 domande. E noi abbiamo i risultati in esclusiva mondiale!!!

Gioco: Ok, il voto è giusto

Regolamento: nomi e risultati sono elencati in ordine alfabetico e crescente. In base a questi racconti, forse, ti sei fatto un'idea dei possibili esiti, quindi abbina i voti agli allievi e inviaci la risposta. N.B. ci sono delle sorprese.

NON SI VINCE NULLA!
Pilota Voto
Baù Fiorenzo 89
Buso Mauro 93
Giavatto Sandro 96
Santello Cesare 97
Silvestrini Samuele 100

E con questo si conclude il corso 1/2000. Buoni voli a tutti.

 

 

 

Imparare significa scoprire quello che già sai.
Fare significa dimostrare che lo sai.
Insegnare è ricordare agli altri che sanno bene quanto te.
Siete tutti allievi, praticanti, maestri.
R. Bach