Domande Frequenti sul volo libero

DOMANDE FREQUENTI: Un breve elenco delle domande che più sovente ci vengono poste sul parapendio, se ne avete altre da aggiungere scirveteci pure ;)

Potete scoprire il significato dei termini usati, andando al dizionario!

Queste invece alcune domande più specifiche sui nostri corsi di volo (potreste perciò trovare differenze tra una scuola e un'altra). Preferiamo che sia tutto chiaro fin dall'inizio. Come sopra: se avete altri quesiti non esitate a contattarci!!



DOMANDE SUL MONDO DEL PARAPENDIO.

Che cosa è il Parapendio?

Il parapendio è il più semplice mezzo volante inventato dall'uomo. Si compone di un'ala in tessuto di struttura simile a un paracadute collegata al pilota tramite un fascio di cordini. Il pilota vola seduto (o anche completamente sdraiato a pancia in su) in un apposito imbrago, munito di protezione dorsale contro gli urti. L'ala (o vela) segue lo stesso principio di funzionamento di quella d'aereo: l'unica differenza sta nel fatto che è floscia e la sua forma viene mantenuta dall'aria all'interno della struttura. Può quindi essere ripiegata e posta in uno zaino quando non è utilizzata (cosa che non si può fare con un Piper...) Il pilotaggio è molto semplice e avviene agendo su due comandi, uno per lato. Trazionandone uno si rallenta la semiala corrispondente e si fa girare il mezzo da quella parte (un po' come i cingoli di un carro armato).

Come fa a "stare su"?

l parapendio non ha motore e funziona quindi come un aliante, che sfrutta il proprio peso per avanzare e creare così la portanza che lo sostiene, come un qualsiasi aereo. Quindi per volare deve scendere e ha perciò bisogno di partire da una montagna. In assenza di rilievi, come nel nord Europa, si ricorre al traino. Tutto ciò significa che in ogni momento l'ala scende rispetto all'aria che la circonda. Se però l'aria sale più velocemente di quanto il parapendio scenda, ecco che trascina letteralmente con sé il mezzo. Questo accade quando si formano le termiche.

Il Parapendio è uguale al paracadute?

No. Il Parapendio è simile ai paracaduti direzionali moderni utilizzati per lo skydiving, ma vi sono alcune differenze importanti. Mentre il paracadutista si lancia da un aereo già in volo e apre DOPO, il pilota del parapendio parte dalla terra e la vela deve essere gonfia PRIMA del decollo. Il parapendio è inoltre più grande, con cordini più sottili e un'efficienza (rapporto quota-distanza percorsa) decisamente superiore al paracadute perché da un lato non deve sopportare lo shock di apertura e dall'altro deve consentire un basso tasso di caduta per prolungare il volo. Si può sintetizzare dicendo che generalmente il paracadute serve solo a riportare a terra senza danni il pilota dopo la caduta libera, che è il vero scopo del paracadutista. Il parapendio invece è fatto per veleggiare il più a lungo e più lontano possibile.

Da dove si decolla? E dove si atterra?

Fatti salvi i divieti dovuti a zone aeroportuali o comunque di interesse aeronautico per i nostri cugini più grossi, si può decollare da qualsiasi prato sia in montagna che in collina. Maggiore è il dislivello, maggiore la probabilità di trovare termiche e di allungare la durata del volo. Si può decollare anche in piano, facendosi trainare da un verricello. Lo spazio di decollo può essere minimo, piloti esperti possono decollare da aree di 20x20 m. Anche per l'atterraggio non esistono formalità, basta un prato, privo possibilmente di ostacoli, di 50x50 m (per piloti esperti). Ovvio che i proprietari devono essere d'accordo!!
Sia decollo che atterraggio avvengono in maniera molto soft, non ci sono salti, colpi o sensazioni di vuoto. Per partire si fa una corsetta e dopo pochi metri ci si trova a sgambettare per aria, il ritorno a terra è addirittura più dolce.

È pericoloso volare in parapendio?

No! Può sembrare una affermazione un po' categorica ma è così. Un pericolo è qualcosa in agguato su cui nessuno di noi ha potere di intervenire, una volta scatenata. Il parapendio è rischioso, questo sì, nella misura in cui il singolo pilota decide di assumersi una certa parte di rischio. Mi spiego. I mezzi in sé sono testati e certificati da enti internazionali nati a questo scopo. I test verificano che la struttura sia solida e che l'ala recuperi autonomamente il volo normale se sottoposta a una serie di inconvenienti. Alcuni piloti, per ridere, hanno fatto volare un para con un sacco di patate al posto del pilota. La vela è atterrata senza problemi in un grande campo, dopo 10 minuti di volo. In questo senso, quindi, pericoli non ne esistono.
Il vero rischio sta nel pilota! Come chi va in auto può guidare normalmente o andare a 250 km/h in un centro abitato, così il pilota di parapendio può decidere di fare un volo tranquillo, proporzionato alle proprie capacità, al mezzo che ha e alle condizioni meteo, oppure decidere di andare in volo sotto un temporale (che è la cosa per noi più pericolosa) o improvvisarsi acrobata e rischiare molto di più.
L'importante, come in tutte le cose della vita, è andare per gradi, non voler strafare e non ritenersi mai "bravi" ma continuare ad imparare.

Dove si vola?

Ormai tutte le località montane hanno almeno un decollo e un atterraggio super collaudati. Generalmente, nei luoghi più frequentati è presente anche un club e magari una scuola cui si può far riferimento per provare un volo biposto. Per avere un elenco aggiornato www.fivl.it

Quanto si va in altezza e in distanza?

Quota e distanza dipendono soprattutto dalle condizioni meteo del giorno e dalla bravura del pilota. Le quote massime toccate sono superiori ai 4000 m (senza contare i decolli da quote maggiori), oltre si inizia ad avere problemi di ossigenazione e servono attrezzature specifiche. Quote medie sulle nostre alpi sono 2500/3500 m, con frequenti picchi superiori. Bisogna però rispettare anche la normativa vigente che è tesa a tenerci lontani dagli aerei! Riguardo la distanza, l'attuale record mondiale in parapendio si aggira sui 420 km, in Italia la distanza massima coperta in volo è superiore ai 200 km. Il volo medio, del pilota medio, può ormai arrivare facilmente ai 40/50 km.

Quanto dura un volo?

È molto difficile definire una durata standard. Diciamo che un volo in assenza di termiche con un dislivello di 1000 m, dura circa 15 minuti. Detto questo, un volo reale può durare anche 5/7 ore, dipende dalle condizioni aerologiche e dalla bravura del pilota.

Lo può fare chiunque?

Assolutamente sì. Comunemente si pensa a chi pratica volo libero come a “quei pazzi che si buttano dalle montagne”. Intanto c'è da dire che non ci si butta: basta una semplice corsa ed è il mezzo stesso che solleva dolcemente il pilota in aria. Riguardo al “pazzi” ognuno è libero di pensarla come vuole, ma per praticare questa disciplina bisogna frequentare dei corsi e superare degli esami su materie “pesanti” quali aerodinamica e meteorologia, oltre che avere una esperienza e una tecnica di volo adeguate. Non per niente si chiamano piloti. Il volo libero è una disciplina di facile accesso: nel giro di poche lezioni si vola da soli. È anche semplice progredire: in pochi mesi si riesce già a rimanere in volo per ore, coprendo notevoli distanze. Per contro è uno sport che richiede di valutare sempre attentamente le proprie scelte, fondandole su una solida base teorica: ogni decisione che il pilota prende avrà un immediato riflesso sul suo volo. Sono pochi gli sport che richiedono un simile concentrato di capacità tecniche, teoriche e di programmazione come il volo libero. È infine una attività che fa crescere perché dà subito al pilota delle grandi soddisfazioni che lo stimolano a una continua maturazione e perfezionamento, per averne di nuove e più grandi. è uno sport davvero formativo, sotto moltissimi punti di vista. E poi fornisce un grande insegnamento: volando si impara che ogni azione ha delle conseguenze e che è molto difficile, se non impossibile, tornare indietro. Per questi motivi il volo libero non è adatto ai pazzi. L'età minima è 16 anni, la massima la stiamo ancora cercando... Un'ultima cosa: è uno sport in cui maschi e femmine "gareggiano" ad armi pari e che si presta benissimo alla pratica da parte del gentil sesso.

Come si impara?

Per volare bene, bisogna cominciare bene. L'unico sistema per avvicinarsi a questo splendido sport senza problemi e ricavarne la massima soddisfazione è affidarsi ad una delle tante scuole certificate presenti in Italia, meglio se aderente al protocollo di autoregolamentazione della Fivl. Solo in questo modo avrete tutte le garanzie di essere seguiti a dovere da personale qualificato e professionale. Il parapendio è molto semplice nella sua fase basica, per questo purtroppo a volte i piloti si improvvisano istruttori per i propri amici, con grave rischio per questi ultimi.

Quanto costa?

Un corso completo di parapendio, fino al superamento degli esami dell'AeroClub d'Italia e il conseguente rilascio dell'attestato di pilota, costa intorno ai 1000/1500 euro, e comprende normalmente l'uso dell'attrezzatura per tutta la durata del corso.
Circa il costo dell'attrezzatura è un po' più difficile avere dei riferimenti precisi, un po' come con le auto.
In linea di massima un parapendio da scuola nuovo costa da 2500 a 3200 euro, un imbrago circa 650 euro, l'emergenza 500, il casco 100. Acquistando materiale usato in buono stato e garantito si può arrivare a spendere circa la metà: 1800/2000 euro.
Attenzione: sono presenti sul mercato anche vele a 250 euro, ma siccome nessuno regala niente vuol dire che sono vecchie o pericolose oppure vecchie E pericolose...

Cosa serve per iniziare?

Per volare non occorre molto. Serve avere voglia di imparare, amare la natura, tanta passione e ancor più pazienza (provate a leggere il resoconto del corso 2/2000 o di quello 2004 per capire)! La documentazione da presentare prevede un certificato medico specifico per il volo rilasciato da un medico sportivo e il nulla osta della questura di residenza. Aggiungete la fotocopia di un documento e siete a posto!

Si vola anche d'inverno?

Certamente. L'importante è coprirsi bene, soprattutto le mani che, per la loro posizione, sono le più esposte al raffreddamento. In gennaio e febbraio, a Borso, si fanno i voli più belli dell'anno sia per la quota che per i panorami.

Si può provare?

Siamo qui apposta! Il modo più semplice è fare un volo biposto. Oppure venire a una delle nostre giornate dimostrative gratuite. Non hanno cadenza fissa perciò scriveteci una mail e noi vi terremo informati sulle prossime date!


DOMANDE SULLA NOSTRA SCUOLA

Quanto dura un corso di parapendio?

I nostri corsi possono durare dai 2 ai 6 mesi, dipende dalla frequenza dell'allievo e ovviamente dalle condizioni meteo del periodo.

Quando si svolge?

Il corso si svolge prevalentemente di sabato e domenica. Su richiesta di almeno 2 allievi facciamo lezione anche infrasettimana. La teoria è di domenica ma anche in questo caso ove ce ne sia necessità si tengono lezioni anche nei giorni feriali. Dal 2013 è possibile seguire anche le lezioni online.

Quanti campetti si fanno?

Il numero dei campetti varia in funzione dell'allievo. Mediamente sono necessarie almeno tre lezioni in campo scuola prima di passare ai voli alti. Il dislivello massimo al campetto è di 30/40 metri.

Quanti voli alti si fanno?

Il corso prevede 35 voli alti radioassistiti per un totale medio di 7 ore di volo da solista. Il minimo per accedere all'esame è 30 voli. La durata dei voli va dai 10 minuti iniziali fino a oltre 60 minuti verso fine corso, sempre che la meteo lo consenta...

Qual'è il dislivello dei voli alti?

Durante il corso si utilizzano voli con dislivelli variabili tra 500 e 1200 metri. Il dislivello medio è 650 m.

Quanti biposti sono previsti?

Durante il corso sono previsti almeno due biposti.

È previsto volo in condizioni di sostentamento?

Sì, è prevista l'introduzione pratica al volo in termica e in dinamica. Ovviamente a seconda delle capacità e delle attitudini personali di ciascun allievo ma in genere prima di fine corso tutti gli allievi in media fanno voli di almeno 30 minuti.

Quanti decolli e atterraggi diversi saranno utilizzati?

Il corso si svolge su due siti di volo differenti, tra il Monte Grappa e la zona di Marostica/Rubbio, ciascuno dei quali presenta vari decolli e atterraggi per un totale di 11 combinazioni differenti. Inoltre durante il corso è prevista almeno una uscita fuorizona.

Com'è strutturata la teoria?

La teoria consta di 12 lezioni (11 di teoria pura, una sul paracadute di soccorso) per un totale di 26 ore di insegnamento in aula.

L'attrezzatura è compresa nel corso?

L'attrezzatura è sempre compresa nella prima parte del corso mentre per la seconda parte l'allievo può scegliere autonomamente se e come proseguire l'iter addestrativo: con la propria o ancora con quella della scuola.

è previsto il paracadute di soccorso a bordo?

Assolutamente sì, fin dal primo volo. Tutti gli imbraghi, sia quelli per il campetto che quelli per i voli alti, sono inoltre dotati di protezione dorsale passiva.

Quali vele sono utilizzate per i voli alti?

Attualmente le vele in uso agli allievi sono: airwave wave, niviuk koyot, niviuk koyot 2, niviuk nk1, paratech p27, skywalk mescal2, swing arcus 3 e 5, swing axis 3 e 5 ma il parco vele è costantemente aggiornato e la lista non è esaustiva. Su www.para2000.org potete trovare le loro schede tecniche.

è possibile frequentare il corso con la propria attrezzatura?

Sì è possibile, ma ogni attrezzatura deve essere preventivamente approvata dall'istruttore responsabile del corso.

Per altri dettagli sullo svolgimento dei corsi clicca qui oppure mandaci una mail

Imparare significa scoprire quello che già sai.
Fare significa dimostrare che lo sai.
Insegnare è ricordare agli altri che sanno bene quanto te.
Siete tutti allievi, praticanti, maestri.
R. Bach